DELTA colpisce ancora

Come già menzionato, sono stato vittima di un ritardo mostruoso (pensavo io) proprio con Delta, 3 settimane fa circa. Non ho ancora avuto modo di scrivere un breve resoconto dell’accaduto, ma vedo con sommo dispiacere che Delta proprio non riesce a porre fine ad una serie di eventi a dir poco imbarazzanti!

A quanto pare, il ritardo questa volta ha riguardato un volo dall’Italia, da Milano Malpensa diretto a New York  JFK, mentre il mio volo era in direzione contraria, da New York JFK a Roma Fiumicino).

Il volo, in codeshare con Alitalia (volo 9860) “delle 11.30 di sabato infatti è stato posticipato di 22 ore a causa di un «disguido tecnico a bordo» spiega un improvvisato portavoce dei passeggeri. A tutti sono stati offerti un ticket per il pranzo e la possibilità di passare la notte in un albergo vicino a Malpensa, per poi ripresentarsi alle 7 di domenica, imbarco previsto alle 10.”

Praticamente un giorno di ritardo … e io che mi lamentavo delle mie 10 ore. Mi merivaglia ancora una volta la totale volontà di Delta di NON riprotteggere i passeggeri su voli di altre compagnie partner.

Ancora piu’ interessante è vedere come, quando pensi che ormai niente possa andar peggio di come sia andata, Delta dia il meglio di sè:

“Domenica, dopo l’ingresso alle 9.30 dei primi passeggeri in business, il seguito della disavventura: per la seconda volta è stato chiesto di lasciare il velivolo in attesa di nuove ispezioni della compagnia. Alle 12.30 viene comunicato che non si hanno ancora notizie rispetto alla partenza né sulle condizioni di sicurezza previste. Nel frattempo i 300 hanno creato un gruppo su Facebook. Fino all’incredibile epilogo: il volo è stato cancellato, come conferma la compagnia. «Alcuni viaggiatori sono ancora qua. Altri, con bambini, hanno abbandonato – spiega il portavoce -. C’è chi si è fatto cambiare il biglietto, c’è chi cercherà di raggiungere New York facendo scalo in altre città”…

Non c’è che dire, al peggio non c’è mai un limite. Forse, come si sta ipotizzando,  dopo la fusione con Northwest, Delta è veramente diventata troppo grande per essere efficiente. Sembra che la manutenzione degli aeromobili, che sono ormai piuttosto vetusti, lasci molto a desiderare.

Fonte

Una risposta a “DELTA colpisce ancora

  1. Io la logica di Delta non la capisco. Tra MD-88, MD-90, B747, B757 e B767 potrebbe mettere su un museo dell’aviazione (per carità, tutti aerei ancora tranquillamente utilizzabili, ma l’età si fa sentire) e cosa fa? Posticipa al 2020 la consegna dei B787, che finalmente avrebbero dato una botta di modernità alla flotta. Quando sia American Airlines sia United stanno investendo per svecchiare quantomeno parte del proprio parco aeromobili.
    E continuo a chiedermi perché qualcuno, dovendo andare negli USA, dovrebbe scegliere di volare con Delta su un B767 vecchio di 15 anni, mentre con altri vettori si voli su B777-300ER o A380 nuovi di pacca.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...