Lo sviluppo di un sistema aeroportuale

E’ notizia recente l’istituzione di alcuni nuovi voli da parte di Alitalia per quanto concerne il prossimo orario invernale.

Stupisce in particolare trovare il nuovo collegamento tra Trieste Ronchi dei Legionari e Milano Linate

Trieste – Milano Linate
AZ1350 TRS0650 – 0755LIN CR9 x7
AZ1351 LIN0900 – 1000TRS CR9 x7

E’ in questo modo che si sviluppa un sistema aeroportuale? E’ così che si va verso un mercato libero, garantendo la concorrenza? Ad alitalia viene permesso de facto di fare quello che vuole, ma se a chiedere slot su milano linate è un altro vettore, allora no, non si può fare.

L’idea di collegare Trieste a Milano Linate è se non altro inusuale: le città distano tra loro 208 miglia, sì avete capito bene… duecentoottomiglia e sinceramente non se ne sentiva la necessità di questa rotta. Tanto più che operando su Milano Linate, piuttosto che su Malpensa non si può nemmeno giustificarla dicendo che il volo occorre per alimentare i servizi di lungoraggio, giacchè LIN non ne possiede.

Non parliamo poi del velivolo utilizzato, un bombardier CRJ900 il cui nome già di suo lascia intendere la inconsistenza del traffico previsto sulla rotta. Politici e soloni dell’aviazione parlano di costruire un sistema aeroportuale in grado di competere ed essere al passo coi tempi. Tutto l’opposto di quello che sta facendo Alitalia.

Sarebbe molto più utile un volo in più per l’Europa… ah già, grazie a quei fantastici decreti protezionistici non si può!!!Siamo sempre un paese lungimirante, dopotutto!

2 risposte a “Lo sviluppo di un sistema aeroportuale

  1. Io penso che Alitalia oggi è libera di fare ciò che vuole.
    Oggi la compagnia è privata e non deve più rispondere a logiche politiche.

    Alitalia è fallita proprio perchè in passato i voli venivato decisi dal politico/aministratore di turno e non dal suo board.
    Oggi i soldi ce li mettono i “capitani coraggiosi”.
    Che i voli siano profittevoli o meno sinceramente la cosa non mi interessa più, riguarderà la compagnia e chi i soldi ce li mette, non piu’ noi cittadini.

    Su questo continuo “tirare la giacchetta” ad Alitalia perchè mette i voli dove trova più profittevole e non dove vogliamo noi, non mi esprimo.

    Quando si decise il dehub su malpensa, i politici lombardi (Formigoni e Cattaneo in testa) chiesero alla compagnia di abbandonare tutti gli slot in brughiera perchè “c’era la fila di compagnie pronte ad arrivare”.

    Ora che gli slot sono liberi non basta più.
    Alitalia deve anche dare la precedenza ad altri su Linate.

    Sinceramente sarebbe ora di piantarla con questi piagnistei. Tanto andata via AZ l’hub a malpensa, a differenza di quanto raccontava la regione, non l’ha fatto nessuno.
    Lufthansa Italia ha basato qualche aeromobile, aperto qualche rotta europea, ma di intercontinentali e domestici non se n’è saputo più nulla.
    Delle assunzioni poi se ne sono perse le traccia. Io ero tra i candidati e sono rimasta stupita dalla poca serietà dei tedeschi.
    Oltretutto ad oggi ancora non possiedono l’AOC, questo la dice tutta sulle loro intenzioni.
    Altro che hub. Anche loro traditori?

    Ora capisco essere arrabiati con CAI per la decisione di abbandonare Malpensa, ma continuare con questo gioco per cui si debba criticare sistematicamente ogni mossa di AZ mi pare si stia esagerando.

    Saluti a tutti e complimenti per il blog!
    Sara, varese

  2. Ciao Sara,
    innanzitutto grazie per la visita e per il tuo commento a cui desidero rispondere:)
    Intanto specifico che il mio post non era più di tanto contro l’Alitalia, bensì contro la politica e le strutture preposte allo sviluppo del sistema aeroportuale.
    Hai certamente ragione nel dire che oggi Alitalia può fare ciò che vuole in quanto azienda privata. Sicuramente in passato le ingerenze hanno massacrato la compagnia.
    Sono ASSAI MENO D’ACCORDO nel dire che i soldi li mettono i capitani coraggiosi: per adesso 300 milioni li hanno messi i cittadini… e direi che non sono pochi!
    Quanto al fatto che da ora ne rispondano solo loro, dovrebbe essere così, ma aspetterei di vedere tra un paio d’anni prima di trarre conclusioni definitive eheh (a pensar male si fa peccato ma spesso…).

    Io non tiro proprio per la giacchetta Alitalia perchè metta i voli dove voglio io: contesto solo che se voli vanno messi a Linate, di certo la priorità non sono i collegamenti per trieste, siano essi di Alitalia, Air New Zealand o Air Gorizia!
    Basta un semplice esperimento: domanda a tutti i tuoi amici di dire un volo che vorrebbero partisse da Linate… vedi quanti ti rispondono Trieste!🙂

    Venendo alla questione di Malpensa, tengo a precisare che io non ho mai amato quell’aeroporto e non ne sono mai stato un grande fan, visto anche dove abito (zona est di Milano).
    Quando Alitalia scelse di stare a Roma, sostenni che era più che positivo, principalmente alla luce del fatto che Alitalia DOVEVA scegliere dove stare. Possiamo dire che fosse meglio MXP o Roma, ma certo in tutti e due non poteva rimanere.
    Io sono soddisfattissimo che Alitalia abbia tolto i suoi slot da Malpensa, perchè forse è l’unico modo in cui Malpensa può svegliarsi e iniziare a camminare sulle sue gambe (al proposito c’è anche un vecchio post su questo blog!). Io contesto il fatto che ALITALIA HA UNA POSIZIONE DOMINANTE A LINATE E GODE DI UN PROTEZIONISMO LEGALIZZATO (o dimentichi forse la questione della LIN-FCO?).
    Vogliamo forse parlare di Lufthansa Italia, compagnia italiana solo di fatto visto che attende da 2 anni (E dicesi 2) il certificato di operatore aereo dall’ENAC? Come mai all’Alitalia venne concesso anche se non aveva la cassa?
    Come vedi qui la precedenze – E CHE PRECEDENZA! – l’ha sempre e solo avuta l’Alitalia.

    Io non faccio alcun piagnisteo, ma mi chiedo se nello sviluppo di un sistema aeroportuale in un paese da parte delle istituzioni abbia un senso mettere un volo come il TRS-LIN a priori di chi lo opera. Servono voli per ben altre destinazioni da Linate.

    Io sono il primo a dire che Malpensa è e rimarrà un hub mancato… ma ci vuole correttezza: Lufthansa ITalia l’AOC l’ha chiesto due anni fa … e chi è che non glielo dà? L’ENAC…. toh, guarda caso la stessa che ha permesso il monopolio di AZ sul Linate-Roma.

    Io sono CONTENTISSIMO che AZ non sia a Malpensa, MA CONTESTO CHE QUALUNQUE COMPAGNIA POSSA OPERARE SU LINATE UN VOLO DA E PER TRIESTE!!! Per la cronaca: 208 miglia….

    Quanto ad AZ, se vuoi mi offro per un elenco di tutti gli errori che ha commesso e di tutte le buone mosse che ha fatto da quando è stata privatizzata.

    Ciao
    Worldflyer.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...