Swiss: Milano MXP – Zurigo – Shanghai First Class [IT-Part 3]

Dai un’occhiata anche alla parte precedente di questo Trip Report!

THE ONE WITH THE SCHIZOID CAPTAIN

Raggiunto il gate, l’imbarco è già cominciato e si svolge in maniera tutto sommato ordinata. Mi avvio per il finger e raggiungo la porta dell’aeromobile dove il capitano – di nome Ruedi – un corpulento uomo dai capelli bianchi sulla 60ina, si atteggia a rampista più che a comandante. Saluta, porge il benvenuto, scambia convenevoli.

Superata la porta, il purser, un giovane sulla 40ina, pelato, sfodera un sorriso solare, mi saluta e mi indica la strada, assicurandomi che ci vedremo di lì a poco per chiacchierare più diffusamente. Siamo partiti con il piede giusto. La cabina di First sull’A340 è di dimensioni contenute ma tramsette un rincuorante sensazione di spaziosità. La mancanza della cappelliera centrale, la distanza tra le due file, così come le tasche e le aree per gli oggetti personali rendono la mini-cabina estremamente abitabile.

Swiss First Class (A343) - Cabina

Swiss First Class (A343) - Poltrona

Swiss First Class (A343) - Poltrona

Swiss First Class (A343) - Plancia comandi

Sistemo il bagaglio nelle cappelliere, mentre un’assistente di volo si occupa di me: recupera il mio cappotto e lo ripone nell’armadietto, mi offre dei giornali, quindi delle riviste ed infine mi domanda se desidero qualcosa da bere. Ha un fare simpatico, a tratti sardonico, non molto comune di solito quando si viaggia in first. E’ la mia seconda esperienza in prima classe con la Swiss e, dopo un battesimo eccellente, mi aspetto quanto meno qualcosa sulla medesima falsa riga. In breve ritorna con un piattino di noccioline e un bicchiere d’acqua frizzante, come avevo chiesto.

Swiss First class - Welcome Drink

Della first di Swiss, mi piacciono prima di tutto i colori, eleganti classici ma al tempo stesso moderni. L’ottoman regolabile è un plus impagabile per stare comodi in qualsiasi momento. L’equipaggio è efficienza allo stato puro: nel giro di 2 minuti gli A/V consegnano tutto quello che mi occorre per il viaggio: pantofole di plastica e velluto (finto) nero, pigiama Van Laack (in assoluto il miglior pigiama fornito a bordo di un aereo, secondo il mio giudizio) e amenity Kit di Bally in plastica nera.

Swiss First Class - Pigiama, pantofole ed Amenity Kit (Bally)

Swiss First Class - Amenity Kit (Bally)

All’interno trovano posto una serie di prodotti cosmetici La Prairie, assieme ai consueti oggetti completando una trousse che è completa e qualitativamente di livello.

Swiss First Class - Amenity Kit (contenuto)

Il comandante, sempre l’uomo corpulento di nome Ruedi, è intanto una vera e propria anima in pena: si arrovella percorrendo i corridoi su e giù, salutando i passeggeri e scambiando quattro chiacchiere con i più ciarlieri. Con quelli di prima classe poi, si perde in un caloroso benvenuto e in frizzanti convenevoli tanto inutili quanto educati. In first la situazione può essere così riassunta: 3 coppie di passeggeri e un reggi moccolo (io). A conti fatti, i vouchers sono stati spesi bene, visto che di upgrade gratuiti non se ne è vista l’ombra. Quando tutto sembra già essere pronto per il decollo ti capita l’inconveniente che non ti aspetti. Il purser, discretamente si avvicina a ciascuno di noi e spiega che c’è un problema nel sistema che gestisce le comunicazioni e che quindi dobbiamo riaprire le porte per permettere ai tecnici di salire a bordo e risolvere l’inconveniente. Il suo fare educato, le scuse sincere ma non “patinate” impediscono di arrabbiarsi e tranquillamente domando solo se è possibile avere le prese della corrente attive per poter utilizzare i computer. Il via vai del personale tecnico, munito di pettorine fosforescenti è interminabile. Il comandante, per non sapere né leggere né scrivere, decide di starsene fuori dalla cabina perché (testuale) “c’è già troppa gente là dentro”. Nel frattempo gli A/V stanno già dandosi da fare per cercare di tener calmi i passeggeri : nel giro di qualche attimo, sulla mensolina della mia poltrona un’assistente di volo appoggia un piattino con alcuni canapè, gustosi ed utili per placare i morsi della fame.

null

Swiss First Class - Servizio extra

Dopo circa un’ora è chiaro che c’è poco da riparare: meglio risolvere il problema alla radice e cambiare il computer. In pochi minuti viene rimosso l’apparecchio mal funzionante e sostituito da uno nuovo di pacca, mentre il primo viene portato via in uno scatolone la cui etichetta non lascia adito a dubbi: CRITICAL DAMAGE.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Il racconto di questo viaggio è diviso in vari  post; puoi guardare il resto del viaggio cliccando sui seguenti link:

Parte 1
Parte 2
Parte 3
Parte 4
Parte 5
Parte 6
Parte 7
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

8 risposte a “Swiss: Milano MXP – Zurigo – Shanghai First Class [IT-Part 3]

  1. Graditissimo anche questo post! anche se dalla first mi aspettavo le cabine tipo quelle che ci sono su Emirates. Poltrone molto simili alla biz di United ma piu distanziate fra loro, cmq grande confort di sicuro! ho appena preso voli A/R per Vegas sulla Condor in Confort class, immagino che mi manchera’ la biz United usata per rientrare da San FrAncisco una settimana fa! ti commento in continuazione perche fai un ottimo lavoro e meriti attenzione e ringraziamenti! come posso far pubblicita del tuo post sul mio Facebook con un link automatico?

    • Che non abbiano le suites è vero, d’altronde sull’A343 hanno ancora il vecchio prodotto e a quanto pare non intendono upgradarlo.
      Però ti prego non fare paragoni con la biz di United. Non esiste proprio storia. sytiamo parlando di dimensioni, comfort e spazi totalmente differenti.

      A me la biz di United piace abbastanza, ma questa è una categoria superiore, per quanto vecchia.

      quanto alla pubblicità, credo sia sufficiente copiare il link del post. Non uso facebook quindi non so🙂

  2. Pingback: Swiss: Milano MXP – Zurigo – Shanghai First Class [IT-Part 4] « FlyerZ Blog

  3. Pingback: Swiss: Milano MXP – Zurigo – Shanghai First Class [IT-Part 1] | FlyerZ Blog

  4. Pingback: Swiss: Milano MXP – Zurigo – Shanghai First Class [IT-Part 2] | FlyerZ Blog

  5. Pingback: Swiss: Milano MXP – Zurigo – Shanghai First Class [IT-Part 5] | FlyerZ Blog

  6. Pingback: Swiss: Milano MXP – Zurigo – Shanghai First Class [IT-Part 6] | FlyerZ Blog

  7. Pingback: Swiss: Milano MXP – Zurigo – Shanghai First Class [IT-Part 7] | FlyerZ Blog

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...