La “privastatalizzazione” di Alitalia

Sul sito del Corriere della Sera di oggi c’è un interessantissimo articolo a firma di Milena Gabanelli, che affronta la surreale situazione in cui un’azienda – leggi: Alitalia – pessimamente privatizzata e ancora più malamente data in mano a persone poco esperte del settore è ora al centro di una discussione da parte degli stessi proprietari che  – dopo essere stati definiti Coraggiosi e Patrioti dall’allora premier Silvio Berlusconi – incapaci di trarre un profitto dal loro investimento chiedono ora allo Stato di rientrare nella stessa partecipazione di Alitalia.

Bislacco a dir poco.

La Gabanelli chiosa correttamente rifacendosi alle parole di un Capitano (di fregata), Greorio De Falco (lui sì coraggioso!) nella ben nota vicenda della Costa Concordia:

Alitalia è ora un’azienda privata e va trattata come tutte le altre aziende private. Deve ristrutturare il proprio debito e diluire gli azionisti che non parteciperanno a nuovi aumenti di capitale. “Capitani tornate a bordo, cazzo!”

Personalmente non potrei trovarmi più d’accordo: è troppo comodo fare gli imprenditori senza assumersi il rischio d’impresa o senza rendere conto del loro operato.

Capitani, tornate a bordo, caxxo!

Una risposta a “La “privastatalizzazione” di Alitalia

  1. Pingback: La “Privastatalizzazione” di Alitalia (IV) | FlyerZ Blog

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...