Modernità e protezionismo (III) : l’italia dei cieli

Parto volentieri da un commento di antoniopascale a questo mio precedente articolo per alcune riflessioni:

[…omissis… ]

2-Riguardo Fiumicino io, ma credo tutti, la pensiamo come te ma tanto è tempo perso. Gli unici che lo dovevano capire ancora non ci arrivano.

3- Secondo me, infatti, le regola valgono per tutti e quei diritti ENAC non doveva darli a nessuno se questa era la linea. Questo non perchè io sia schierato da una o dall’altra parte, ma perchè è un regolamento (Concedendoli, di nuovo, sbagliano due volte). Poi, c’è da dire che la legislazione in questo contesto è parecchio confusa, manipolabile e soggettiva da stato a stato. Dovrebbero fare chiarezza in generale.

4- Io non la farei cosi facile sul fronte “Liberalizziamo tutto”. La storia ha dato esempi di risultati positivi sia con l’uno che con l’altro sistema. E’ un trade-off difficile, la soluzione migliore varia da caso a caso. Io non so dirti quale sia la migliore, ma forse in questo contesto e in Italia ti do ragione, andrebbero riviste le leggi.

5- Non mi ricordo dove, ma ho sentito dare questa definizione riguardo alla situazione attuale nazionale: “Stupido Corporativismo per coprire le debolezze strutturali e la incapacita’ a competere, e protezionismo monopolista per far sopravvivere aziende decotte e infarcite di un eccesso di dirigenti poco facenti e dagli stipendi imbarazzanti se calibrati sui risultati.”
Non credo esista definizione piu adatta.

2) non saprei come biasimare la tua affermazione. Un sacco di parole, un sacco di avertising ma decisamente pochi fatti e mal confusi.

3) 4) La legislazione è confusa soprattutto perchè ci si è sempre rifiutati di adeguare la stessa ai tempi. E’ come pretendere di governare un paese con i feudi… un po’ superato, no? Gli accordi “open skies” hanno fatto chiarezza eppure è stato proprio il mercato a definire cosa funzionasse e cosa no. Gli esempi di servizi iniziati e poi tragicamente defunti sono più di uno. Il libero mercato e i consumatori poi sono spesso molto capaci di autoregolarsi e autodefinirsi. In Italia si rinuncia per ipotesi a affrontare il problema, difendendo una compagnia in modo ossessivo, facendole più male che bene. Perchè se alitalia venisse lasciata nel suo brodo, io credo si darebbe da fare di più e si organizzerebbe molto meglio rispetto ad ora, dove vive sugli allori del protezionismo che lo stato e l’apparato le garantisce.

5) “Stupido Corporativismo per coprire le debolezze strutturali e la incapacita’ a competere, e protezionismo monopolista per far sopravvivere aziende decotte e infarcite di un eccesso di dirigenti poco facenti e dagli stipendi imbarazzanti se calibrati sui risultati.”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...