Modernità e protezionismo (IV): Alitalia Etihad e Emirates

C’è oggi un interessante articolo a pagina 11 del Corriere della Sera sulle intenzioni della mediorientale Etihad Airways nei confronti della zitella Alitalia per il futuro. Tra gli interessanti spunti di riflessione si parla del rafforzamento come hub passeggeri per Roma Fiumicino, che si focalizzerà sul mercato verso le Americhe, la costruzione di un hub cargo a Malpensa (di passeggeri, sia ben chiaro, in brughiera non se ne parla!) oltre ad un volo per Shanghai, tutto questo unitamente alla rinascita di Linate.

Proprio su Linate compare una frase shockante, soprattutto alla luce delle discussioni a proposito del protezionismo che avvolgono il mercato aereo: l’idea di una navetta LINATE – ABU DHABI.

“…[omissis]… oltre a una navetta con Abu Dhabi, che in futuro potrebbe partire anche da Linate…”

Se le regole valgon per tutti, belle o brutte che siano, se la liberalizzazione deve essere regolamentata, allora io vorrei che qualcuno mi spiegasse il senso di una cosa simile? Da un lato dovremmo allora permettere a tutti di volare su Linate (Qatar Airways, Emirates, Gulf Air, e perchè no anche qualche americana), limitando le destinazioni secondo un principio meramente tecnico legato alla lunghezza della pista.

…[omissis]… Il via libera del governo è arrivato durante il faccia a faccia di giovedì tra il premier Mattero Renzi e il ceo di Etihad, James Hogan, che ieri mattina ha incontrato anche il ministro dei trasporti, Maurizio Lupi, prima di ripartire per Londra, dove vive la famiglia.

L’esecutivo avrebbe promesso un decreto ad hoc che amplia le destinazioni in partenza da Linate, superando quindi il limite di 18 movimenti all’ora riservati esclusivamente ai collegamenti comunitari, previsti dal decreto Bersani per <proteggere> Malpensa.

Dall’altro non si capisce perchè Emirates allora non possa operare questi voli: io non sono mai stato nè credo sarò mai un fan di Emirates, ma davvero vogliamo sostenere che la regola del 49% di stake in Alitalia è la discriminante?

Sia ben chiaro, io ho sempre detto e pensato che il decreto Bersani, fosse un anacronismo, una perimeter law fatta male per tutelare un aeroporto in difficoltà (Malpensa) e sono molto molto favorevole alla sua revisione. Ma non può essere sottaciuto che questa revisione avvenga solo in concomitanza con gli interessi di una compagnia aerea che è stata fin troppo tutelata e per la quale tutti noi italiani ci siamo indebitati. Questo non è corretto.

Emirates non può volare, si grida allo scandalo se si tocca uno slot di Alitalia a Linate, e poi chiudiamo gli occhi di fronte a una simile iniziativa?

Per non parlare poi dei poveri tedeschi di Lufthansa, bravi a piangere miseria e sentirsi vittime (un po’ meno quando si tratta di comprare altre compagnie europee), ormai sul piede di guerra per difendere il territorio europeo dall’invasione araba.

E’ questo un paese moderno?

**** Articoli e citazioni tratte da Corsera del 12/04/14 – pag. 11 – di Giuliana Ferraino ****

4 risposte a “Modernità e protezionismo (IV): Alitalia Etihad e Emirates

  1. Ma a Linate non possono operare solo narrow body? come la fanno la navetta con un A 321?

    • Ciao Massimiliano, grazie per la visita ed il commento.

      A Linate esiste una sorta di Perimeter Law (altrimenti nota come Decreto Bersani) per limitare i movimenti.
      Credo che il problema tecnico sia strettamente legato alla lunghezza della pista e basta.
      Resta il fatto che un 757 può operare tranquillamente. E l’idea di fare un A320 LIN-AUH non è poi così peregrina, visto che Qatar Airways fa il MXP-DOH con aeromobile analogo.
      Che ne pensi?
      Un caro saluto ed a presto WF

  2. In Italia si vuole proteggere a tutti i costi una compagnia il cui management è incapace di pensare in maniera lungimirante…Alitalia non ha funzionato in passato e, se lasciata da sola, non funzionerà mai neanche in futuro.

    • Ciao Stefano,
      grazie per la visita ed il commento.
      Sinceramente io credo che la “nuova ” alitalia abbia saputo reinventarsi e efficientare. Da qui a renderla in grado di essere profittevole, passa molta strada.
      A presto
      WF

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...