Scatole nere: tech-upgrade?

La tragedia del volo Malaysia Airlines MH 0370 si porta dietro molti strascichi ed alcune interessanti diatribe anche all’interno dell’unione europea.

Il mercato aereo è stato negli ultimi anni estremamente attento alla gestione dei costi. Ma questo non  ha fino ad ora – salvo rari casi – inficiato la sicurezza. Di contro il tempo passa e la tecnologia avanza e non basta la semplice conservazione dello stato di fatto: occorre oggi migliorare lo standard degli apparecchi per la registrazione dei dati di volo.

Al proposito l’EASA (European Aviation Safety Agency) si è in questi giorni esposta affinchè la tecnologia supporti un miglioramento di questi apparecchi, con particolare riferimento al segnale che le scatole nere dovrebbero emettere dal fondo del mare (ULDs – Underwater Locating Devices), portando la finestra temporale a 90 giorni ed aumentando il raggio di segnalazione, così da  permettere così ai team di ricerca e soccorso un lasso di tempo maggiore.

Ma non basta: si parla di estendere l’attuale registrazione dell’audio del cockpit (CVR) da 2 a 20 ore, così da avere la copertura dell’intera durata del volo. Questo tuttavia diverrà effettivo a partire dal 2019, insieme all’utilizzo di nuove tecnologie di registrazione che prenderanno il posto dei dei nastri magnetici. Per quanto invece riguarda l’ULD, questo sarà migliorato a partire dal 2018.

Certo è che, sebbene simili implementazioni non possano che essere benvenute, nessuno può dire se con simili strumenti la localizzazione del relitto del B777 Malaysia Airlines sarebbe stata più semplice o avrebbe ad oggi raggiunto un pieno successo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...